10 Curiosità sulla Basilica del Sacro Cuore di Parigi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 1 . Media: 5,00 su 5)
10 Curiosità sulla Basilica del Sacro Cuore di Parigi

Simbolo del quartiere di Montmartre, la Basilica del Sacro Cuore è sicuramente uno dei monumenti più visitati di Parigi. Situata sulla cima della collina, da cui si gode una delle viste più scenografiche della città, ha un’architettura unica nel suo genere e la sua cupola, nota in tutto il mondo, viene immortalata ogni giorno in migliaia di scatti fotografici.

Nonostante questo in pochi ne conoscono le tante e interessanti particolarità.

Ecco quindi le 10 curiosità sulla Basilica del Sacro Cuore che in pochi conoscono. Scoprile subito!

  • La Basilica del Sacro Cuore non è la Chiesa più visitata di Parigi, è infatti seconda alla Cattedrale di Notre-Dame, altro simbolo parigino. L’ingresso alla Basilica è gratuito, ma per salire sulla cupola è necessario un biglietto.
  • Per quanto Montmartre sia uno dei quartieri storici della capitale, la Basilica è tra le chiese più giovani di Parigi; la sua costruzione iniziò intorno al 1875 e terminò solo trentanove anni dopo.
  • In migliaia sono soliti visitare la collina di Montmartre per ammirare la vista della città che è davvero spettacolare, ma in quanto ad altezza la Basilica non detiene il primato. Il panorama più alto della città si ammira infatti dalla Tour Eiffel con i suoi trecento metri sopra il livello del mare, la Basilica è a 213 metri, mentre al terzo posto l’altro punto panoramico della città, la Torre di Montparnasse.
  • Sul soffitto interno alla Basilica si trova il mosaico più grande al mondo con una dimensione di circa quattrocento metri quadrati, inaugurato nel 1923, il “Mosaico absidale” è una delle più grandi opere di mosaico.
  • Tra le altre curiosità sulla Basilica del Sacro Cuore, citiamo la sua costruzione in quanto finanziata dagli stessi parigini con donazioni private e i cui nomi sono incisi su alcune pareti della chiesa.
  • La Basilica sembra risplendere con il suo candore, questo grazie al tipo di pietra che è stata utilizzata per costruirla. Si tratta di una pietra resistente che a contatto con l’acqua, quindi quando piove, rilascia una sostanza, la “calcina”, che pulisce la pietra e le permette di mantenere il suo spettacolare colore bianco.
  • Oltre venti cavalli hanno trasportato la grande campana della Basilica: la “Savoyarde” è infatti una delle campane più grandi e pesanti del mondo e sfiora le venti tonnellate.
  • Altro fatto curioso, ci sono due chiese del Sacre-Coeur in Francia: oltre alla Basilica parigina, nel territorio francese dei Caraibi sull’isola di Martinica, c’è una replica del Sacre Coeur. Si tratta di una costruzione molto più piccola, chiamata “Sacré-Coeur de la Balata”, costruita per onorare gli sfollati dopo la grande eruzione del vulcano nel 1915.
  • Le origini del nome: la maggior parte delle Basiliche costruite in quel periodo erano intitolate a Maria, la madre di Gesù; il Sacre-Coeur invece fu dedicato al sacro cuore di Gesù Cristo.
  • Ai lati della Basilica sono presenti due statue che sembrano raffigurare due individui che cavalcano armati. Fatto curioso è che una delle statue raffigura in realtà il Re Luigi IX, l’unico Re ad essere riconosciuto come santo dalla Chiesa cattolica.

Leggi anche:

x