Iscriversi all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero): quando e come farlo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 3 . Media: 3,67 su 5)
Iscriversi all’AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero): quando e come farlo

L’AIRE è l’apposito registro istituito nel 1990 con lo scopo di censire gli italiani all’estero. Iscriversi all’AIRE é un obbligo prescritto dalla legge e registrandosi si ottiene il diritto di voto all’estero e la possibilità di richiedere documenti di identità (passaporto, carta d’identità, patente) e certificati sia dal comune di iscrizione AIRE che dall’Ufficio consolare di Parigi.

Devono iscriversi all’AIRE:

  • i cittadini che trasferiscono la propria residenza all’estero per periodi superiori a 12 mesi
  • quelli che già vi risiedono, sia perché nati all’estero che per successivo acquisto della cittadinanza italiana a qualsiasi titolo

Non devono iscriversi all’AIRE:

  • le persone che si recano all’estero per un periodo di tempo inferiore ad un anno
  • i lavoratori stagionali
  • i dipendenti di ruolo dello Stato in servizio all’estero, che siano notificati ai sensi delle Convenzioni di Vienna sulle relazioni diplomatiche e sulle relazioni consolari rispettivamente del 1961 e del 1963
  • i militari italiani in servizio presso gli uffici e le strutture della NATO dislocate all’estero

Come iscriversi all’AIRE

L’iscrizione va effettuata on line, sul sito serviziconsolarionline.esteri.it

I documenti da presentare sono:

  • fotocopia del passaporto italiano (delle sole pagine che indicano i dati e l’Ente che lo ha rilasciato) e/o della carta d’identità italiana (fronte e retro del documento). In mancanza di documenti italiani, sarà accettato un documento di identità straniero
  • documento comprovante la residenza nella Circoscrizione consolare di Parigi (qualsiasi lettera ricevuta per posta a proprio nome : bolletta elettricità, gas, telefono, avis d’imposition, sécurité sociale, allocation, ecc.). Attenzione: le autocertificazioni e le dichiarazioni di “hébergement” non possono essere accettate come giustificativi di domicilio
  • Richiesta di iscrizione in AIRE ( stamparla dal portale SECOLI, firmarla e fare successivamente l’upload)

Cosa cambia

Come descritto sopra l’iscrizione all’AIRE comporta diritto di voto all’estero e la possibilità di richiedere documenti di identità all’Ufficio consolare di Parigi.

Per quanto riguarda l’assistenza sanitaria italiana è necessario fare un po’ di chiarezza. Chiunque iscritto all’AIRE rientri temporalmente in Italia e ha necessitá di cure mediche che durino più di 30 gg può richiedere la riscrizione temporanea all’ASL con un’autocertificazione; se i giorni sono meno di 30 ha diritto a tutte le prestazioni sanitarie eccetto il medico di base. In caso d’emergenza per gravi malattie per farsi curare in Italia è necessario riscriversi come residente nel Comune di suo piacimento.

Per gli iscritti all’AIRE l’assistenza è pertanto gratuita in Italia per gli interventi di pronto soccorso (ospedale e guardia medica), mentre per il resto delle prestazioni sanitarie pubbliche, si deve compiere con le normali regole di reddito minimo previste dalla legislazione italiana, per poterne usufruire.

Maggiori informazioni sono disponibili su: consparigi.esteri.it

Ti potrebbero interessare:

arrow_upward
x