Il Parc de Bagatelle a Parigi, perfetto mix tra natura e cultura

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 3 . Media: 5,00 su 5)

Situato nel Bois de Boulogne, non troppo distante dal centro della città, il Parc de Bagatelle è uno dei parchi più ampi, affascinanti ed amati di tutta Parigi. Quest’oasi, dove è possibile rilassarsi tra sentieri immersi nel verde, cascatelle, prati e laghetti, è il luogo perfetto per gli appassionati di fiori: infatti il parco ospita un orto botanico e il Roseto di Bagatelle, che è conosciuto a livello mondiale, con più di 9000 diverse piante e 1200 diverse specie.

Nel particolare oltre alle magnifiche rose, si possono ammirare peonie, ninfee, iris e molteplici piante perenni. Durante la tua visita in questo parco non si può assolutamente perdere il giardino Albert Kahn, che con i suoi profumi e i suoi colori è una vera meraviglia per tutti i sensi.

Questo parco pubblico, che si estende per oltre 800 ettari, è stato progettato dall’archietto e paesaggista Thomas Blaikie, che ha unito lo stile inglese a quello cinese, molto in voga all’epoca. Qui è possibile cimentarsi in partire di golf, tennis, calcio, fare nuoto o ancora stendersi sul prato all’ombra di un albero, leggere un libro, fare jogging, oppure ammirare gli animali che vivono liberi nel parco, ovvero pavoni, lepri, gatti ed anatre.

Oltre ad essere il luogo perfetto per gli amanti della natura, il Parco di Bagatelle è perfetto anche per chi ama la cultura: infatti ospita alcuni antichi palazzi e padiglioni in cui sono organizzate esposizioni, mostre temporanee e tanto altro.

Stai organizzando la tua vacanza a Parigi e vorresti sapere qualche informazione pratica riguardante il Parc de Bagatelle? In primis possiamo dirti che l’entrata nel periodo invernale non si paga. In primavera, invece, il biglietto d’ingresso costa 5 euro. Ma come raggiungere il parco? Puoi arrivare facilmente al Parco di Bagatelle con l’autobus numero 244, che puoi prendere a Porte Maillot.

Il Parc de Bagatelle ed il castello omonimo sono stati costruiti in soli 64 giorni, grazie al lavoro di ben 900 manovali impegnati nel progetto giorno e notte. Tutto è nato da una scommessa tra Maria Antonietta e il cognato, il Conte D’Artois; il progetto è stato realizzato in una sola notte dall’architetto Belanger. Maria Antonietta voleva migliorare il palazzo fatiscente da lei acquistato prima del ritorno a corte da Fontainebleau.

Dopo la Rivoluzione Francese il parco è stato un ristorante ed albergo, nonchè va ricordato che è stato inoltre adibito anche a riserva di caccia utilizzata da Napoleone. Dopo vari passaggi di proprietà i giardini del parco sono stati riqualificarti da Jean-Claude Nicolas Forestier, che ha creato inoltre giardini di fiori che oggi sono conosciuti in tutto il mondo.

Route de Sèvres À Neuilly – 75016 Paris
Metro: Porte Dauphine

arrow_upward
x