Giverny: il villaggio francese dove nacque l’impressionismo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 3 . Media: 5,00 su 5)

Il piccolo villaggio di Giverny, nella regione Haute-Normandie, è conosciuto ai più come la dimora del celebre pittore Claude Monet. Questo pittore è stato uno dei più stimati pionieri dello stile dell’impressionismo, una corrente artistica in cui i pittori non cercavano solo di offrire una rappresentazione di un soggetto in modo realistico, come un paesaggio o una natura morta, ma cercavano di esprimere i propri sentimenti e le proprie riflessioni attraverso le loro opere.

Nel caso di Monet, ad esempio, il soggetto veniva molto spesso filtrato attraverso colori, trame e consistenze, più importanti per esprimere il punto di vista dell’artista rispetto a un ritratto il più scientifico possibile.

Non è un mistero che la bellezza della natura che circonda Giverny sia stata una grandissima fonte di ispirazione per Monet, che ha vissuto nel villaggio fino al 1926. La sua dimora è oggi diventata la Fondation Claude Monet. Data l’importanza di questo artista, una delle maggiori attrattive di questo villaggio è proprio il suo collegamento con quest’ultimo (e quindi con la corrente dell’impressionismo in generale, di cui Monet è uno dei più grandi ispiratori).

Giverny
Foto Flickr

Il museo dell’impressionismo di Giverny ospita varie mostre dedicate a questa forma d’arte ogni anno, prestando particolare attenzione agli artisti locali, ma non solo.

Se siete degli amanti dell’arte, vale assolutamente la pena di visitare il museo e la fondazione Claude Monet. Il villaggio è relativamente vicino alla capitale francese, ed è possibile raggiungerlo in poco più di tre quarti d’ora di viaggio in treno direttamente da Parigi. La vicinanza con la città lo rende una meta flessibile, assolutamente ideale per escursioni giornaliere per chiunque abbia voglia di uscire dai limiti cittadini.

A parte il patrimonio artistico, Giverny, come detto in precedenza, è circondata da una bellissima cornice bucolica che diventa un mosaico di colori durante la prima vera, quando i fiori sbocciano. Un solo sguardo a questa bellezza e capirete all’istante da dove è venuta fuori l’ispirazione che ha permesso a molti artisti di creare i loro capolavori!

Il cimitero di Giverny ospita anche la tomba dove riposa Claude Monent e la sua famiglia.

La collezione del museo degli impressionisti di Giverny mette in evidenza l’influenza dell’arte di Claude Monet sui suoi contemporanei e le successive generazioni di artisti. Per arrivarci occorre prendere il treno da Paris Saint-Lazare verso Rouen, scendendo a Vernon. Un servizio di bus collega questa stazione con il museo. Altre informazioni sono sul sito: http://www.mdig.fr

A pochi passi dal museo, nella fondazione si può visitare la casa dove abitò Claude Monet, la sua ricca collezione di stampe giapponesi, l’atelier di lavoro, un giardino con piante orientali e naturalmente le ninfee. Per godere appunto del giardino in tutto il suo splendore raccomandiamo la visita in primavera o estate. Informazioni su: http://www.fondation-monet-giverny.fr

Altre foto

 
Giardino della Fondazione Claude Monet:
Giverny
Foto Flickr

Ninfee:
Giverny
Foto Flickr

Leggi anche:
Impressionismo che passione: i 5 luoghi imperdibili nei dintorni di Parigi
Weekend in Normandia: le spiagge dello sbarco
Mont Saint Michel: un luogo incantevole tra storia, cultura e tanta natura
Étretat: falesie, fiori e tesori da scoprire

Entra nella prima community degli Italiani a Parigi!

Hai perso la password?

Calendario Eventi

<< ottobre 2017 >>
lmmgvsd
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

Community

Foto del profilo di Tom Corradini
Foto del profilo di vivaparigi
Foto del profilo di Matteo
Foto del profilo di Pietrangelo
Foto del profilo di Michele
Foto del profilo di Kevin
Foto del profilo di Riccardo
Foto del profilo di antonella
Foto del profilo di Prospera Lattanzi
Foto del profilo di Vera
arrow_upward
x