La statua di Enrico IV a Parigi e il tesoro ritrovato al suo interno

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 1 . Media: 5,00 su 5)

La statua di Enrico IV, situata sul Pont Neuf, nasconde una storia decisamente misteriosa che le migliaia di passanti ignorano pur trovandosi ad attraversare il ponte ogni giorno per raggiungere la splendida place Dauphine.

Inaugurata in pompa magna nel 1614, per onorare il sovrano francese che fu il primo della dinastia Borbone. Enrico IV di Borbone, detto Enrico il Grande o Vert Galant, era stato assassinato solo quattro anni prima da un fanatico religioso mentre si recava alla fortezza della Bastiglia. A lui è attribuita la celebre frase “Parigi val bene una messa”, che pare venne pronunciata in occasione della sua conversione al cattolicesimo (per poter ambire al trono senza dover temere le rimostranze e le ripercussioni della Lega cattolica, Enrico IV, che era ugonotto, decise infatti di abiurare e convertirsi).

Fu un re ben voluto dal popolo francese che divenne famoso per aver posto fine alle guerre di religione tra cattolici e ugonotti, e per aver istituito in tutta la Francia il primo esempio di norma di tolleranza religiosa. Tuttavia, con l’avvento della Rivoluzione Francese, le opinioni dei francesi sulla monarchia cambiarono radicalmente in favore delle nuove idee illuministe e repubblicane. Nel 1973, a pochi anni dallo scoppio della Rivoluzione, la tomba di Enrico IV venne aperta e la testa del sovrano venne trafugata.

Una sorte simile toccò alla statua del re: i rivoluzionari la presero d’assalto, distruggendola fino a quando non ne rimase più nulla. Due secoli dopo, Luigi XVIII si operò per la rinascita del monumento. Il 25 agosto del 1818 una nuova scultura venne inaugurata per la seconda volta.

Quello di Luigi XVIII era certamente un tentativo di riaffermare e rinforzare l’immagine del potere monarchico davanti agli occhi dei parigini; ciò che era sfuggito al sovrano, o a chi prese la sfortunata decisione per lui, erano tuttavia le idee politiche dello scultore incaricato di realizzare la statua. François-Frédéric Lemot, questo il suo nome, lavorava insieme ad un gruppo di operai tra i quali pare si trovasse un certo Mesnel.

Quest’ultimo non aveva mai nascosto di avere idee tendenti non tanto alla monarchia quanto ad un più nostalgico bonapartismo (Napoleone era da poco stato sconfitto a Waterloo e scontava il suo esilio all’isola di Sant’Elena). In un periodo così ricco di sospetto come quello del regno di Luigi XVIII nacquero in fretta storie su come l’operaio avesse nascosto diversi opuscoli ostili alla corona, nonché una statuetta di Napoleone, dentro il braccio di Enrico IV. Con il passare del tempo nessuno prese mai sul serio una storia così sciocca e decisamente goliardica.

Nel 2004, quasi duecento anni dopo la sua inaugurazione, la statua venne coperta al pubblico per essere restaurata. È stato così che gli addetti ai lavori si sono trovati davanti ben sette scatole di piombo fuso sulle quali era inciso proprio il nome di Mesnel. Al loro interno, a conferma delle leggende, si trovavano testi contro la monarchia, scritti di Voltaire e Sully, e oltre una dozzina di monete che raffiguravano spaccati della vita della famiglia reale.

Statue équestre d’Henri IV

Pont Neuf – 75001 Paris
Metro: Pont Neuf

Entra nella prima community degli Italiani a Parigi!

Hai perso la password?

Calendario Eventi

<< marzo 2017 >>
lmmgvsd
27 28 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2

Community

Foto del profilo di Rosalba
Foto del profilo di vivaparigi
Foto del profilo di Eleonora
Foto del profilo di Anna Paola
Foto del profilo di Riccardo
Foto del profilo di Michele Suprani
Foto del profilo di Marco
Foto del profilo di vincenzo
Foto del profilo di Manuel Zompetta
Foto del profilo di Dora Di Caprio
Foto del profilo di Paolo
Foto del profilo di Mathilde
Foto del profilo di Antonio Pagliuca
Foto del profilo di Zammit
Foto del profilo di Cristianos77

Eventi a Parigi

x