Le 20 più belle frasi di Émile Zola

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 1 . Media: 5,00 su 5)
Le 20 più belle frasi di Émile Zola

Parigino doc, Émile Zola è uno dei personaggi più famosi e importanti della letteratura di fine ‘800, tempo della Belle Époque e della rivoluzione culturale che s’identificava con l’industrializzazione della società.

Romanziere di talento e giornalista con diverse collaborazioni con testate parigine, amico di altri grandi personaggi dell’epoca come Paul Cézanne e Philippe Solari, il suo talento si è manifestato fin da subito. Dopo alcune vicissitudini lavorative inizia a scrivere poesie, si forma con la lettura di Molière, Shakespeare e Montaigne per arrivare più tardi a Blzac, influenzato anche da scrittori contemporanei come Jules Michelet.

Fu molto criticato per le sue teorie sul naturalismo, volendo analizzare vizi e virtù della società dell’epoca, smascherando spesso le ipocrisie borghesi e dell’alta società di quel tempo. Per celebrare questo grande personaggio della letteratura parigina, abbiamo scelto alcune delle sue più importanti frasi.

“Il compito più alto di un uomo è sottrarre gli animali alla crudeltà”

“La morte è più potente dell’amore. È una sfida gettata all’esistenza”

“L’artista è nulla senza il talento, ma il talento è nulla senza il lavoro”

“La donna è sempre vinta dalla pubblicità, e fatalmente accorre al rumore”

“Fino a tanto che avrete qualche cosa di vostro, e che il vostro livore contro il borghese non proverrà da altro che dal vostro rabbioso bisogno d’essere borghesi a vostra volta, non sarete degni mai della felicità”

“Abbiate dalla vostra le donne e venderete il mondo”

“Alcune bigotte credono d’ingannare Dio pregando con le labbra e atteggiandosi a penitenti per guadagnarsi un perdono”

“La lettura le aprì orizzonti romanzeschi che ancora ignorava; finora aveva amato soltanto con il sangue e con i nervi; cominciò ad amare con la testa”

“La folla: una forza cieca che continuamente divora se stessa”

“Spegni la candela, non ho bisogno di vedere il colore dei miei pensieri”

“Le mie notti sarebbero un incubo al solo terribile pensiero di un innocente che sconta tra i tormenti crudelissimi una colpa che non ha commesso”

“Il destino degli animali è indissolubilmente legato al destino degli uomini”

“Un’opera d’arte è un angolo della creazione visto attraverso un temperamento”

“La lingua barbarica è quella della legge”

“Fu un piacere pieno di rimorsi, uno di quei piaceri da cattolico, che la paura dell’inferno spinge verso il peccato”

“Avete un immenso difetto che vi sbarrerà tutte le porte: non potete discutere più di due minuti con un imbecille senza fargli capire che è un imbecille”

“La civiltà non raggiungerà la perfezione finché l’ultima pietra dell’ultima chiesa non sarà caduta sull’ultimo prete”

“Quando il futuro è privo di speranze, il presente acquista un’ignobile amarezza”

“Ho una sola passione, quella della luce in nome dell’umanità che ha tanto sofferto e che ha diritto alla felicità”

“Fra un centinaio di anni la storia della letteratura francese lo menzioneranno solo come una curiosità” (Di Charles Baudelaire)

Leggi anche: I 5 scrittori francesi che devi conoscere (e leggere)

Ti potrebbero interessare:

Entra nella prima community degli Italiani a Parigi!

Hai perso la password?

Calendario Eventi

<< ottobre 2017 >>
lmmgvsd
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

Eventi a Parigi

Community

Foto del profilo di vivaparigi
Foto del profilo di Kevin
Foto del profilo di Marta
Foto del profilo di fabio
Foto del profilo di Tom Corradini
Foto del profilo di Matteo
Foto del profilo di Pietrangelo
Foto del profilo di Michele
Foto del profilo di Riccardo
Foto del profilo di antonella
arrow_upward
x