Il Castello di Cheverny, una meraviglia perfettamente conservata della Loira

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Voti: 5 . Media: 4,60 su 5)
Il Castello di Cheverny, una meraviglia perfettamente conservata della Loira

La Valle della Loira è una regione stupenda, con i suoi castelli tra le campagne immersi in meravigliosi giardini e specchi d’acqua. Sono circa trecento gli edifici tra castelli, manieri e dimore che risalgono a diversi periodi storici, dal medioevo fino al Rinascimento. Tra questi il Castello di Cheverny, considerato il più lussuoso della Loira grazie ai suoi interni sfarzosi e ai giardini curati in ogni dettaglio. Una dimora, che di generazione in generazione, ha saputo conservare per sei secoli la sua bellezza grazie a un attento lavoro degli eredi, ossia il marchese e la marchesa di Vibraye che si prendono cura di questo patrimonio.

Costruito dall’architetto Jacques Bougier fra il 1620 e il 1640, il Castello di Cheverny presenta il cosiddetto “stile alla francese” tipico del regno di Luigi XIV; un edificio simmetrico costituito da un corpo centrale affiancato da due parti di casa e da due padiglioni ad angolo simmetrici. La particolarità del castello è la pietra usata per costruirlo, la pietra di Bourré che ha la caratteristica di diventare bianca e di indurirsi con il tempo, donando così al maniero una luce particolare conservando la sua bellezza.

Un castello affascinante, che non è stato sottoposto ad alcuna modifica e che si può ammirare nel suo stato originale, così come lo sono gli splendidi interni ricoperti da soffitti a cassettoni e affrescati con scene leggendarie, come il Grand Salon, dove pannelli in legno dipinto raccontano le gesta di Don Chisciotte.

La visita conduce agli appartamenti, riccamente decorati con arredi eccezionali, arazzi delle Fiandre, tele pregiate e oggetti d’epoca che evocano le ambientazioni del passato e dell’arte di vivere francese. La Camera del Re è ricca di oggetti originali così come la Sala delle Armi con la sua autentica collezione di armature. Tra le cose da visitare, la mostra permanente di Tintin, noto fumetto francese il cui Castello di Moulinsart, porto di partenza di Tintin e dei suoi compagni, è proprio ispirato al castello di Cheverny.

Imperdibile la visita dello splendido parco che circonda il castello, composto da cinque giardini a tema con colori che cambiano in base alla stagione. Prima si visita l’orto, segue il Giardino dell’apprendista, situato tra il castello e l’Orangerie, si prosegue al Giardino dell’amore per poi ammirare il Giardino dei Tulipani, un tripudio di colori con oltre duecentomila bulbi che fioriscono da marzo ad aprile. Infine il Labirinto di Allori del Caucaso dove, nel corso della Seconda Guerra Mondiale, venne nascosta la Gioconda di Leonardo da Vinci per sottrarla ai saccheggiamenti nazisti.

Il Castello di Cheverny è circondato da un parco immenso composto da prati all’inglese, viali alberati con sequoie, cedri e tigli e la sua particolarità è che può essere visitato anche a bordo di comode auto elettriche o in piccole barchette lungo i canali che lo circondano. Il castello è aperto tutto l’anno, inclusi il 25 dicembre, il 1° gennaio e il 1° maggio, gli orari variano in base alla stagione.

Il castello di Cheverny si trova a circa due ore di auto da Parigi. Si può raggiungere atterrando all’aeroporto internazionale di Parigi Orly o Parigi-Charles de Gaulle e poi noleggiare un mezzo seguendo le indicazioni per Tours, oppure si può raggiungere in treno da Parigi partendo dalla Gare d’Austerlitz o con il treno veloce TGV dalla Gare di Montparnasse, e poi noleggiare un auto in loco.

Castello di Cheverny

https://www.chateau-cheverny.fr
41700 Cheverny, Francia

x